martedì 30 luglio 2013

In libreria Il Re del vento di Domenico D'Errico (Lupo editore)



Valerio Manfredi, medico operante nell’ospedale di Foggia, cerca un’infermiera che l’assista durante le prestazioni date privatamente nel proprio ambulatorio. All’annuncio risponde Laura, giovane brava non meno che bella, solerte non meno che affascinante. Il giovane medico, ancora segnato da una grave delusione amorosa, ha perduto ogni motivazione di agire; sarà la sensibile e discreta Laura a fargli rinascere a poco a poco la voglia di riprendersi in mano la vita. Il rapporto di lavoro si trasforma in relazione d’amore, dapprima pudicamente intuito e poi sempre più intensamente vissuto. In questa cornice s’inquadrano altri eventi intrecciati con ammirevole maestria. Trovandosi temporaneamente a Santa Lucia, paese di Laura, in cui il padre è maresciallo
dei carabinieri, Valerio si trova nella necessità di soccorrere il bibliotecario del luogo, che è in possesso di un documento che, ben interpretato, sottintende qualche fatto “oscuro”. Ciò suscita una serie di avvenimenti che contribuiscono a portare alla luce la verità di fatti fino ad allora erroneamente raccontati dai manuali di storia medievale. Casualità fortuite, coincidenze propizie, pianificazioni accorte sono gli elementi che strutturano l’intera trama del romanzo, in cui s’intrecciano i fili della narrazione di avvenimenti acutamente organizzati e artisticamente disegnati dall’arte narrativa dell’autore. Una travolgente avventura che fonde realtà storica e originale presente.

Sentieri a Sud 2013: secondo sentiero di domani mercoledì 31 luglio 2013 a Kurumuny



Anche per questo 2013 si rinnova l’appuntamento organizzato da Kurumuny con la rassegna “SENTIERI A SUD”, dedicata alle produzioni e agli attraversamenti culturali, tra musica e poesia, tra documentario e racconto, tra cultura antica ed evoluzioni moderne: uno spazio di confronto in un luogo ricco di storia e di storie.
“SENTIERI A SUD” nasce con l’idea di offrire, in uno spazio fisico e un luogo dell’anima, idee e visioni su una terra che è lembo estremo ma anche crocevia di popoli; di favorire una maggiore conoscenza della cultura orale del Salento e di coloro che sono oggi le nuove voci narranti in questa “isola sonante”. Uno degli elementi più significativi della comunità salentina, infatti, è stata ed è tuttora la condivisione di momenti intensi ed espressivi attraverso il canto, la musica, il racconto e la ricerca di uno sguardo altro.
 “SENTIERI A SUD” si svolge in un periodo dell’anno in cui maggiore è il flusso di turisti e a noi piace pensare che questa rassegna sia una chiave di lettura, un modo per entrare in una terra in punta di piedi e scoprirne le bellezze per goderne appieno. Il Salento è finis terra e può offrire orizzonti, luci, profumi, sapori e calore umano anche attraverso una rassegna di musica e letteratura all’ombra dei carrubi.


Mercoledì 31 luglio ore 21.30

• C’È UN CASTELLO DI COTONE - Visioni, arabeschi, adorabili parole  di e per Antonio Verri. Reading con Roberta Pappadà e Fabrizio Gemma accompagnamento musicale di Rocco Nigro. Introduce Maurizio Nocera


Antonio Leonardo Verri (Caprarica di Lecce, 22 febbraio 1949 – 9 maggio 1993) è stato un romanziere, poeta, pubblicista ed editore italiano inquadrabile nel filone del postmodernismo letterario italiano. Fondò e diresse le riviste letterarie Caffè Greco (1979-1981), Pensionante de' Saraceni (1982-1986) e Quotidiano dei Poeti (1989-1992) che dal maggio 1991 si interseca con un’altra testata: Ballyhoo - Quotidiano di comunicazione.  Collaborò con la rassegna Sudpuglia (1986-1993) e Titivillus (1991-1992), e diresse On Board (1990). Curò tutte le attività legate al Centro Culturale Pensionante de’ Saraceni e le collane: I quaderni del Pensionante (1983-1987), Spagine. Scrittura Infinita (1991), Compact Type. Nuova Narrativa (1990), Diapositive. Scritture per gli schermi (1990), Mail Fiction (1991), con la collaborazione di Francesco Saverio Dòdaro, Abitudini. Cartelle d’autore (1988-1990), e contribuì con il suo apporto alla collana de I Mascheroni (1990-1992) di "Media 2000". Un progetto speciale vide la luce nel 1992: Ballyhoo-Litterature, ovvero il Declaro. Il libro che nell'idea di Verri potesse contenere il suo mondo, una sorta di personale libro infinito.




MENU della serata

– Libro della casa – Il pane sotto la neve di Antonio Verri
– Friseddha ‘ncapunata
– Carne al forno
– Insalata
– Vino


COME RAGGIUNGERCI - Kurumuny è sita nelle campagne di Martano (nei pressi dell’uscita per Castrignano de’ Greci). Una volta giunti nei pressi della rotonda, dove si incrociano via Atene e via Don Mauro Cassoni parcheggiare e proseguire a piedi lungo il sentiero.

Per info: 3299886391



Tel e Fax 0832 801528

Facebook: Kurumuny

Foto di Fernando Bevilacqua

lunedì 29 luglio 2013

“BALLA COL LUPO”: 20 ANNI DI PAROLE E MUSICA/LIBRI, MUSICA E COTILLONS




Martedì 30 luglio alle ore 21.30 nel Castello di Castrignano de' Greci, la casa editrice Lupo editore festeggia i suoi 20 anni tra libri e musica. A volte gli anni scorrono via senza farsi notare, con una discrezione che a un certo punto svela l'eleganza della maturità. E questo è proprio il caso della Casa Editrice Lupo, che nel 2012 ha spento venti candeline e ha deciso di festeggiare l'evento il 30 luglio alle ore 21.30  nell'atrio suggestivo del  Castello de Gualteriis di  Castrignano dei Greci.
Balla col Lupo, questo il nome della serata, ideata in collaborazione con le associazioni Culturarte, Terra del Fuoco-Mediterranea e Bee Culture, da poco vincitrice del bando Principi Attivi che gestirà le attività del Castello per i prossimi mesi, e con il sostegno forte del Comune di Castrignano de' Greci, sarà una vera e propria festa, condita con parole, musica, vino e incontri. La Lupo festeggia vent'anni di curiosità, di sperimentazione, di parole e letture.
È stato un percorso all’insegna dell’originalità, della ricerca delle storie giuste da raccontare, storie che sanno emozionare, far sorride o semplicemente mettere in moto il pensiero. I libri non sono stati mai considerati dei prodotti finiti, ma solo l'inizio di un cammino, un viaggio capace di narrare nuove storie, di incontrare sempre nuovi lettori. Per questo la casa editrice Lupo, diretta dall’eclettico Cosimo Lupo, si è caratterizzata per essere una realtà giovane e vitale che è riuscita, nel corso del tempo, a farsi spazio nell’ambito culturale ed editoriale del Meridione d’Italia, valorizzando l’intenso fermento culturale del territorio.
Inoltre, da un anno la Lupo Editore ha fondato l’etichetta musicale Ululati, che produce e diffonde le parole in musica, producendo i lavori di Mino De Santis, Massimo Donno, gli Aedo e in cantiere tante altre novità. Oggi, venti anni dopo, la casa editrice è una realtà composita, vitale e dinamica e il segreto rimane l’entusiasmo degli autori e di tutti quelli che, dopo tanti anni, continuano a “ballare col Lupo”. Durante la serata, saranno presenti gli autori della Lupo e si esibiranno Mino De Santis, Massimo Donno, gli Aedo, Palmiro Durante, Ciccio Zabini, la selezione di vinili di Max Nocco e con degustazione di vini a cura della cantina Rolli e dell’Azienda Agricola Monaci.


In libreria Corde di Dario Bellucco (Lupo editore)



Corde, del giovanissimo Dario Bellucco, è raccolta di racconti degna di rappresentare con alta qualità letteraria un ambito antropologico: quello dei ventenni italiani. Con elaborato e già prezioso stile letterario, sebbene asciutto, visivo e certamente cinematografico, sono passate in rassegna tutte le pose e le modalità di una gioventù viziata e speranzosa insieme, alla ricerca dell’amore e disillusa dalla generazione dei padri e dal mondo in generale. Come nel campo d’agone o nel ring, i racconti, per quanto difformi, rimandano all’unica evenienza della richiesta di senso e di riconoscimento. Difatti i 14 racconti narrano, su base esperienziale e per nulla funzionale, quelle che sono le aspirazioni alla felicità di una gioventù che vede bruciati gli idoli delle ideologie politiche e delle grandi tradizioni sacrali. Questo è un libro sommosso e inquieto, ma anche di serena ambizione: quella di trovare tra scene di comparaggio, festini, consumo di alcol e droga, il significato di una lealtà umana e di una affettività che sia ignara di ogni broglio retorico. Con questo libro d’esordio, Dario Bellucco denota già maturità certa e sicura vocazione letteraria.

venerdì 26 luglio 2013

Massimo Donno con Amore e Marchette (Ululati, Lupo editore) alla Vineria San Sebastian a Copertino domani 27 luglio



Massimo Donno con Amore e Marchette (Ululati, Lupo editore) suonerà alla Vineria San Sebastian a Copertino in via Malta domani 27 luglio  alle ore 21.30

Nelle undici tracce che compongono l’esordio di Massimo Donno c’è il segno di un cantautore che conosce la materia umana, e che ama mescolare l’ironia e la poesia alla quotidianità surreale dell’amore, fino a includere non solo le atmosfere – in un dialogo costante – ma anche le voci del passato prossimo di Pier Paolo Pasolini (nel brano “Tango”) o del grande Alberto Sordi (in “Bologna A.D. 2012″), mescolandole al presente delle sue suggestioni autobiografiche, come fa ad esempio nella traccia dal titolo “Il mio compleanno”. Un cantautore, Massimo Donno, che non ha paura di guardarsi e, soprattutto, guardarci dentro con il ritmo di una musica leggera e ironica. “Amore e marchette”, nuova produzione dell’etichetta Ululati, vanta, tra le collaborazioni di eccellenza, quelle con Massimo Geri (presente anche nel video del singolo “Amore e Marchette”, realizzato dal talentuoso regista Gianni De Blasi), Nilza Costa (nel brano “Il bianco ed il nero”) e Guido Sodo, nel brano intitolato “La colpa”. «Massimo Donno è un gatto che salta sui tetti della canzone d’autore italiana prendendosene la parte più nobile. Come un gatto ci fa le fusa, ci conquista per poi graffiarci quando meno ce lo aspettiamo. Come un prestigiatore muove le parole tra surrealismo e neorealismo. E’ una capriola, una giostra un pugno e uno sberleffo un bacio e uno schiaffo. Cartina tornasole delle nostre vite imbarcate su fragili vascelli». Oliviero Malaspina.

Inizia lo studio della chitarra a tredici anni. Tra il 2000 – 2001, insieme a Luca Barrotta e ad altri musicisti, avvia il suo primo progetto di folk d’autore, “Allegra brigata Bodhran”, ensemble che, ai testi di Massimo, unisce i suoni tradizionali del sud Italia, dei Balcani, del klezmer. I lavori realizzati sono “Memorie” (2001), “In cerca d’autore” (2003), “Demo” (2006), (demo-cd autoprodotti), con una semifinale al “Premio De Andrè” dentro questo percorso. Dal 2005 ad oggi, realizza diversi spettacoli tra cui “Ti saluto dai paesi di domani…” sulla vita di Fabrizio de Andrè; “Le Otto ore” ispirato alle musiche tradizionali di lavoro e immigrazione di tutta Italia; “One hand Jack”, tratto da un monologo di Stefano Benni, con musiche di Fred Buscaglione.

Negli anni Donno è ospite di progetti altrui, in cui opera da turnista. Collabora con l’attore Simone Franco, con Alberto Bertoli (figlio di Pierangelo), con l’osservatorio astronomico di Bologna e l’associazione per la Divulgazione delle Scienze Sofos, per la realizzazione dello spettacolo di osservazione astronomica/divulgazione scientifica dal titolo Racconti di cielo – Armonie tra mito e scienza. Insieme al cantautore Gigi Marras, guadagna la finale al premio Bindi 2011 e la finale al Premio Musicultura 2012 (Ex Premio Città di Recanati), entrando nel cd ufficiale con i brani dei 16 finalisti. A giugno, con un suo brano “Amore e Marchette”, vince “Promo”, mini-concorso su Ciao Radio, radio Emiliana, ricevendo il maggior numero di voti. A luglio 2012 è stato finalista al Premio Bindi riscuotendo ottimi risultati di pubblico e critica. A settembre 2012 è stato finalista al Festival delle Arti di Bologna, contest organizzato da Andrea Mingardi.

È stato finalista alla 14esima edizione di Biella Festival autori e cantautori 2012, classificandosi tra i primi cinque. È stato semifinalista al Tour Music Fest, il più grande festival europeo dedicato alla musica emergente, con la commissione artistica presieduta da Mogol.

Scrive di lui Oliviero Malaspina: “Massimo Donno è un gatto che salta sui tetti della canzone d’autore italiana prendendosene la parte più nobile. Come un gatto ci fa le fusa, ci conquista per poi graffiarci quando meno ce lo aspettiamo. Come un prestigiatore muove le parole tra surrealismo e neorealismo. Ci concede una musica tra sogno e realtà. Il disco in ogni traccia è una capriola, una giostra un pugno e uno sberleffo un bacio e uno schiaffo. Cartina tornasole delle nostre vite imbarcate su fragili vascelli. Semantica del testo e sintassi musicale si armonizzano perfettamente nel suo creato di opposizioni binarie. Dalle quali scaturisce una bellissima opera, un’opera aperta. Un’opera che perdere è come fare peccato”.

INFO

Ufficio Stampa OverecoAgenzia

L’Ordo Equestris Templi Arcadia di Lecce parteciperà oggi e anche per quest’anno alla processione di San Pantaleone a Martignano (Lecce)



L’Ordo Equestris Templi Arcadia parteciperà anche per quest’anno alla processione di San Pantaleone a Martignano che si terrà oggi  26 luglio 2013 dopo la Santa Messa presso la chiesa matrice del paese, intitolata a Santa Maria dei Martiri, a partire dalle 19,00 circa. “Un appuntamento che come ogni anno vede protagonista l’Ordo Equestris Templi Arcadia  - dichiara il Gran Maestro Valentino Zanzarella – di uno dei momenti religiosi più significativi del Salento come la processione di San Pantaleo a Martignano. Testimonianza della vicinanza del nostro ordine alla Chiesa e al suo messaggio. L’impegno dell’Ordo Equestris Templi Arcadia verso i più deboli e i più bisognosi continuerà accanto all’operato delle autorità civili e religiose per contribuire alla crescita morale e sociale del nostro territorio”


Meta di migliaia di devoti, la festa di San Pantaleo costituisce una delle più importanti manifestazioni di fede cristiana della provincia. I festeggiamenti religiosi si intrecciano con quelli civili, frutto del lavoro di un comitato costituito ad hoc, che lavora tutto l'anno per assicurare una festa ricca di luminarie, fuochi pirotecnici, concerti bandistici,ecc. La festa comincia il giorno della vigilia, il 26 luglio, durante il quale il santo viene portato in processione per le vie del paese e festeggiato con lo scoppio di fuochi pirotecnici serali. La statua di cartapesta del santo percorre le vie del paese portata a spalla, ornata dagli ori e dai soldi, cuciti addosso come vestiti, che i fedeli offrono in pegno al loro protettore. Ciò costituisce motivo di attrito tra Curia e comitato patronale, ma il rito conserva la propria tradizione.





giovedì 25 luglio 2013

Mino de Santis - PEZZENTI - Official Video

Tornano le Salentine – carte da gioco



La casa editrice Kurumuny e il laboratorio artistico B22 propongono la seconda edizione de Le salentine, carte da gioco. Dopo il successo della prima edizione, andata esaurita in poco più di 100 giorni, è nuovamente disponibile il mazzo di carte che racconta il territorio attraverso una rivisitazione dei quattro semi.

Il progetto si fa sempre più social, con un vero e proprio percorso di ricerca condiviso. Ognuno, infatti, ha tra i propri ricordi l’immagine della famiglia riunita attorno a un tavolo, che si intrattiene col gioco delle carte.
Saranno raccolte notizie sui vari giochi e sui contesti sociali e conviviali nei quali si praticavano; o anche su tradizioni, riti e miti, usi e costumi richiamati nei semi. Sarà possibile collaborare inviando in redazione (info@cartesalentine.it; o sulla pagina facebook ufficiale ‘cartesalentine’), foto e video, testimonianze, racconti e aneddoti. Il materiale verrà catalogato per argomenti e pubblicato in apposite sezioni sul sito dedicato, www.cartesalentine.it, che sarà sempre aggiornato sulle novità, gli approfondimenti e le curiosità. I documenti più interessanti saranno poi raccolti in un libro collettivo, che verrà abbinato alla prossima produzione delle carte.

Confermato il sodalizio con Modiano, la famosa azienda produttrice di carte da gioco in Italia e in Europa, che conferisce un marchio di qualità al progetto, le carte sono già disponibili on-line su www.kurumuny.it, in distribuzione nei punti vendita da lunedì 29 luglio e saranno presentate il 3 agosto in località Kurumuny, a Martano (Lecce), nell’ambito della rassegna Sentieri a Sud.

La realizzazione manuale, l’attenzione per il dettaglio, il recupero del simbolismo della tradizione e la cura del packaging fanno de Le salentine un vero è proprio oggetto d’arte.
In pochi “centimetri plastificati” è racchiusa l’anima pulsante di un territorio. Il gioco diventa così un modo per entrare in una terra in punta di piedi e scoprirne le bellezze.


* * *
Kurumuny
Via Palermo, 13 Calimera (Lecce)
Tel. & Fax 0832 801528
Mob. 329 9886391
Fb. Cartesalentine

IL TEATRO CREST DI TARANTO PRESENTA “IO E L’ILVA” (Lupo Editore) DI GIUSE ALEMANNO Venerdì 26 luglio 2013, ore 19.30 - TaTÀ, via Grazia Deledda snc



Nell’ambito della rassegna artistica e letteraria “Città nascosta” viene presentato il libro di Giuse Alemanno “Io e l’Ilva. Monologo metalmeccanico” (Lupo Editore). Venerdì 26 luglio 2013, ore 19.30 - TaTÀ, via Grazia Deledda snc - patio letterario: reading & drink
[...] Allora, io l’Ilva la sposterei. Ma non più in qua o più in là, non in Tunisia, in Ucraina o in Groenlandia. La sposterei in alto, la solleverei sopra le nuvole [...]
Il mestiere delle parole e il mestiere dell’acciaio si incontrano, si scontrano e si fondono in un ‘monologo metalmeccanico’ scritto e sudato da Giuse Alemanno, che nell’Ilva di Taranto lavora, alla conferma della sua incisività di narratore. Le sue parole superano, però, gli schemi drammaturgici e si elevano a straordinario esempio controcorrente di ironico, lucido ed emozionante impegno culturale e civile.
Giuse Alemanno. Nato a Copertino nel 1962, fa parte di quel gruppo di scrittori di Taranto e provincia definiti da uno speciale di AffarItaliani.it “la nouvelle vague” della letteratura italiana. Ha esordito con "Racconti Lupi" (Filo Editore, 1998), seguito da "Solitari" (Filo Editore, 2001), "Terra Nera. Romanzo perfido e paradossale di cafoni e d’anarchia" (Stampa Alternativa, 2005), "Le vicende notevoli di don Fefè, nobile sciupafemmine e grandissimo figlio di mammaggiusta, e del suo fidato servitore Ciccillo" (I Libri di Icaro, 2009), con Fulvio Colucci "Invisibili. Vivere e morire all’Ilva di Taranto" (Kurumuny, 2011), “Io e l’Ilva” (Lupo Editore, 2013). Ha vinto numerosi premi letterari. E’ stato vicedirettore de “La Voce del Popolo”.
TaTÀ (Taranto auditorium TAmburi) Dopo 30 anni di attività “senza fissa dimora”, il Crest dispone di 1000 metri quadrati di “teatro da abitare”, il TaTÀ, nel quartiere popolare ed operaio per eccellenza della città, il rione Tamburi appunto, il più contiguo alle svettanti ciminiere Ilva. Un teatro da 300 posti che mira a diventare polo di attrazione di artisti italiani e stranieri, diventando modello di mediazione tra il teatro e le altre forme di comunicazione/creazione quali la scrittura, la pittura, il video, la danza, la musica.
ingresso libero info 099.4707948 – 366.3473430
L’editore:
www.lupoeditore.it
Ufficio Stampa OverecoAgenzia

martedì 23 luglio 2013

It's a Boy! William, Kate Welcome Royal Baby

Sentieri a Sud 2013 dal 26 luglio al 3 agosto 2013 a Kurumuny



Anche per questo 2013 si rinnova l’appuntamento organizzato da Kurumuny con la rassegna “SENTIERI A SUD”, dedicata alle produzioni e agli attraversamenti culturali, tra musica e poesia, tra documentario e racconto, tra cultura antica ed evoluzioni moderne: uno spazio di confronto in un luogo ricco di storia e di storie.
“SENTIERI A SUD” nasce con l’idea di offrire, in uno spazio fisico e un luogo dell’anima, idee e visioni su una terra che è lembo estremo ma anche crocevia di popoli; di favorire una maggiore conoscenza della cultura orale del Salento e di coloro che sono oggi le nuove voci narranti in questa “isola sonante”. Uno degli elementi più significativi della comunità salentina, infatti, è stata ed è tuttora la condivisione di momenti intensi ed espressivi attraverso il canto, la musica, il racconto e la ricerca di uno sguardo altro.
 “SENTIERI A SUD” si svolge in un periodo dell’anno in cui maggiore è il flusso di turisti e a noi piace pensare che questa rassegna sia una chiave di lettura, un modo per entrare in una terra in punta di piedi e scoprirne le bellezze per goderne appieno. Il Salento è finis terra e può offrire orizzonti, luci, profumi, sapori e calore umano anche attraverso una rassegna di musica e letteratura all’ombra dei carrubi.


Venerdì 26 luglio ore 21.00

• Presentazione dell’ultimo lavoro discografico di Daniele Durante
DAMULI N’AUTRA BOTTA. Antologia licenziosa di trenta canti e pizziche dal Salento.
Interventi di Luigi Chiriatti, Roberto Guido e Daniele Durante.
A seguire intervento musicale a cura di Daniele Durante e Francesca Della Monaca.

Per approfondimenti

La cultura orale di un territorio, che trova nei canti una raffinata sintesi poetica e sonora per esprimere la propria visione del mondo, non poteva non cantare la sessualità, attraverso stornelli a dispetto o una delicatissima poetica in rima. Lo fa ricorrendo a metafore e ammiccamenti; inventando nomi e significati al sesso femminile e maschile; alzando un velo trapuntato di versi e parole poetiche che nascondono l’atto sessuale. È molto vasto il repertorio dei canti licenziosi salentini con punte allusive, maliziose, talvolta oscenamente in chiaro, talaltra di difficile comprensione, almeno ad una prima analisi. Non riconoscere questa vena significherebbe negare una delle fonti più vivaci, ispiratrici e accattivanti di tutto il corpus sonoro. I grandi cantori o affabulatori ricorrevano ad eleganti infiocchettature poetiche anche per aggirare l’onnipresente e opprimente dottrina religiosa, che condannava ogni riferimento e pratica della sessualità; l’allusione mirava a non offendere il collettivo senso del pudore e a non turbare le anime dei fanciulli e delle fanciulle, che d’altronde, convivendo e lavorando con gli animali, nella vita di tutti i giorni assistevano in maniera naturale ai loro accoppiamenti. Ci piace pensare che questa difficilissima arte di poetare e cantare potesse essere un veicolo di conoscenza dei comportamenti sessuali e quindi una specie di trasmissione etica sessuale. Nei canti proposti da Daniele, ricorre il ricco vocabolario con cui sono indicati gli organi sessuali; i termini variano di paese in paese e fanno riferimento ora ad oggetti di uso quotidiano (taeddha, farzura, pastinaca, trapanaturu), ora ad immagini attinte ai grandi riti e miti che sostanziano questa terra, ora a figure archetipiche come il monaco, l’aggiustacofane, il cardararu, il giardiniere. Le tracce sonore offrono un ampio ventaglio di arie e testi che – nel doppio senso, nell’ammiccamento, nell’esplicito riferimento alla sessualità, ai suoi organi, al loro uso e consumo – ci testimonia di una poetica musicale che arricchisce di nuovi stimoli il panorama sonoro salentino. (Luigi Chiriatti)



Info sull’autore/curatore

Daniele Durante




Mercoledì 31 luglio ore 21.30

• C’È UN CASTELLO DI COTONE
Visioni, arabeschi, adorabili parole
di e per Antonio Verri
Reading con Roberta Pappadà e Fabrizio Gemma
accompagnamento musicale di Rocco Nigro
Introduce Maurizio Nocera



Sabato 3 agosto ore 21.00

• Presentazione del progetto LE SALENTINE, carte da gioco.
Interventi di Giovanni Chiriatti, Alessandro Sicuro,
A seguire MERCATI GENERALI, racconto in musica di ‘U Papadia e Guit Armando
più ospiti.

Le Salentine - Le carte da gioco hanno la forma di una tessera rettangolare in carta o plastica, delle dimensioni di una mano. Una serie completa di carte viene nominata mazzo. Le carte da gioco sono tra gli strumenti più usati dagli illusionisti, e in ambito esoterico sono importantissime nella lettura che viene fatta con la cartomanzia. Per molti le carte sono un ambito oggetto di collezionismo. La più diffusa serie di carte in Italia è quella delle carte “napoletane”.
Celebre negli anni ottanta una famosa partita di scopone giocata tra l'allora Presidente della Repubblica Sandro Pertini, l'allenatore della nazionale di calcio Enzo Bearzot ed i calciatori Dino Zoff e Franco Causio. La partita, si svolse sull'“air force one italiano” che riportava nel nostro paese la squadra che aveva appena vinto il Mondiale di Calcio 1982 in Spagna. Il gioco delle carte unisce generazioni di italiani, da tutte le regioni (visto che esistono mazzi di carte con semi di tradizioni iconografiche regionali differenti), mossi dal desiderio della convivialità e di un momento di spensieratezza da trascorrere insieme.
La casa editrice Kurumuny, che da anni porta avanti un percorso editoriale incentrato sulla ricerca musicale ed etno/antropologica, dopo il successo della prima edizione che ha incontrato il favore di ferventi aficionados delle carte da gioco, propone una seconda ristampa ricca di sorprese, proprio nel cuore della calda estate salentina.
Le salentine nascono dal desiderio di creare un mazzo di carte da gioco legato al territorio e alla sua storia pur mantenendo una giocabilità pari a quella delle carte regionali napoletane, a cui si ispirano e di cui conservano la peculiarità dell’aspetto cromatico, Il mazzo è composto da quattro semi che si richiamano alla tradizione e ne diventano sintesi simbolica. Queste carte sono uno strumento di gioco senza pari, e allo stesso tempo rappresentano un biglietto da visita per il Salento e la sua cultura, dato che la simbologia riprodotta offre cenni e riferimenti ai riti e miti, all’arte, ai costumi che poi trovano un ulteriore approfondimento sul sito dedicato: www.cartesalentine.it

Le salentine sono state disegnate interamente a mano, realizzate e prodotte in Salento da B22 e Kurumuny.


ingresso gratuito
Info Kurumuny
Telefono: 0832801528
Cellulare: 3299886391
redazione@kurumuny.it


Rajoy cede: riferirà in Parlamento su scandalo fondi neri

CNN Exclusive: Cristiano Ronaldo All Access

lunedì 22 luglio 2013

Mino De Santis e Nandu Popu (Sud Sound System) domani per la prima del video ufficiale "Pezzenti". E a seguire concerto



Nella magnifica veste dei Giardini del Duca di Martano ci sarà l'attesa presentazione del videoclip “Pezzenti” (Muddhriche-Ululati, Lupo Editore) con il genio artistico di Gianni De Blasi alla regia. Sarà presente Nandu Popu (Sud Sound System) e Giovanni De Santis. Segue il concerto di Mino De Santis. Presenta Mauro Bortone
Evento imperdibile! Martedì 23 luglio 2013, ore 21.30 - Giardini del Duca - via Calimera - Martano (LECCE).


Ogni qual volta si ascolta Mino De Santis, si hanno ben chiare le sue radici, la sua storia, le origini musicali e i suoi ascolti al juke box. La voce e l'ironia amara di De Andrè, ma anche l'impegno di Stefano Rosso o la compostezza di Paolo Conte. Ma per non abbandonarsi a facili semplificazioni, bisogna fermarsi un attimo e rimettere play. Mino De Santis è a tutti gli effetti un fuoriclasse, unico nel suo genere perché ama ancora raccontare e lo fa come potrebbe fare un fotografo con le sue istantanee, un pittore impressionista nel fermare tutto su una tela o il saggio del paese nel riferire vizi e virtù della sua gente. Con dovizia e ironia.
Anche in questo terzo album “Muddhriche prodotto dall'etichetta Ululati (Lupo Editore) si raccolgono piccoli momenti di vita quotidiana, come fossero proprio molliche minute ed essenziali, messe insieme per farne pane e nutrimento. Ci sono le "macchiette", i personaggi del paese: “Lu prete” scaltro e smaliziato o la “La bizoca e la svergognata”, apparentemente diverse ma "le stesse e l'hanno sempre saputo". 
C'è la bellezza e la malinconia degli "Anni" passati tra casa, chiesa e sogni di libertà ma anche il sud amaro dei “Pezzenti” (feat Nando Popu/Sud Sound System), quegli immigrati trattati come animali tra “patruni e capurali”, senza diritti o assistenza, pagati venti euro alla giornata me definiti lo stesso invasori. 
E tra mandolino e fisarmonica, si continua a raccontare di quei “Radical chic”, quelli bravi a dare definizioni, che hanno così poco da dire ma tanto da parlare. 
A poco a poco le “Muddhriche” compongono il quadro di un uomo che, come ben rappresentato dalla copertina del disco, dall'alto, osserva, riconosce, cerca di individuare quelle briciole, le piccole cose che continuano a dargli godimento. È un carnevale di personaggi e situazioni, dove si respira a pieni polmoni l'aria scanzonata di un bonaccio che ama quello che compone perché è il suo modo di continuare a credere al sogno di anarchia.

Il Salento trova nuove parole, quelle puntute, del graffio autoriale. Anarchiche quanto basta per tener desto l'animo e l'occhio allo sguardo: quello dritto, che mai s'inchina e fa riverenza. Mino De Santis è così, ama il ridere, il soffio e lo spiffero. (Mauro Marino)
Mino De Santis è un ascolto che il tempo e la pratica portano a metabolizzare. Non è la risata di turno ciò che arriva e resta. Ma un ondulato senso di profondità che scolpisce immagini nella memoria e libera l'ascolto dalla superficialità attorno (Erika Sorrenti e Francesco Aprile)
Mino ha scritto una pagina di canzone popolare vera, del popolo del Salento che si libera dalla pur splendida prigionia del tamburello, dell'organetto e del violino e approda ad un linguaggio nuovo, fatto di dialetto e di italiano colto al volo, masticato, rimasticato e sputato fuori in una nuova forma di colostro, vero alimento con il quale crescere i piccoli. Musica accattivante, di uno che sa suonare la chitarra, la lascia nei suoi accordi semplici, quasi ondeggianti come un materassino gonfiabile sulla bonaccia (Pino De Luca).
Autoironico e impietoso… lo definirei un “verista” per come descrive la realtà sociale e soprattutto quella di tanta umanità. Ha il suo modo singolare di vedere la realtà e di declinarla in versi. È un sognatore ingenuo e intellettualmente onesto. Insofferente a qualsiasi regola, non scenderebbe mai a compromessi, ha l'anima libera e resta anarchico anche quando non sarebbe il caso. Ha una singolare genialità, un'autentica vena artistica che differisce da qualsiasi accomodante musicalità “popolare” oggi cosi volgarmente e insopportabilmente stereotipata (Giuseppe De Santis).


INFO


Ufficio Stampa OverecoAgenzia


Breeding the next generation of champions

Bologna, intervista al senatore Giovanni Bersani

Showbiz Minute: Royal Baby, Cole, Box Office

Inizia viaggio Papa Francesco in Brasile per GMG 2013

sabato 20 luglio 2013

Domani 21 luglio 2013 a Lecce Mino De Santis e Lupo Editore presentano al Ministro Cécile Kyenge il video “Pezzenti”




La Puglia terra di pace e frontiera di accoglienza o terra di sfruttamento e di caporali? È questo uno degli interrogativi, quello più emblematico, da cui ha preso le mosse il sondaggio che il Centro Servizi Volontariato Salento in collaborazione con Eurispes Puglia sta effettuando in questi giorni, in occasione dell’aggiornamento del dossier “Uomini, o no?” pubblicato nel 2012 e dedicato ai temi dell’immigrazione nel Salento. Un dossier che racconterà della nostra terra e della nostra cultura, svelando il vero volto dei salentini e dei pugliesi sui temi più vicini al rapporto con l’altro. Il Ministro per l’Integrazione Cécile Kyenge  sarà presente al laboratorio di democrazia domenica 21 luglio dalle ore 16,00 alle ore 18,00  presso l’Hotel Hilton Garden Inn di Lecce in via Cosimo De Giorgi 62. All’incontro, organizzato dal CSV Salento con il patrocinio di CSV Puglia Net, Forum Terzo Settore, CSV Poiesis e Caritas Puglia, parteciperanno: Luigi Russo del CSV Salento che presenterà il “Dossier immigrazione Salento e sondaggio sul razzismo”, don Maurizio Tarantino della Caritas Puglia, Daniele Ferrocino (Comunità Emmanuel) Portavoce del Forum provinciale, Luigi Conte (Agesci) portavoce vicario,  e l’ospite d’eccezione il ministro per l’Integrazione Cécile Kyenge.

Nel corso dell’appuntamento Mino De Santis presenterà al ministro per l’Integrazione Cécile Kyenge  e al pubblico del Laboratorio di democrazia il videoclip “Pezzenti” (Muddhriche-Ululati, Lupo Editore) nato dal genio artistico di Gianni De Blasi alla regia, e che ha visto la straordinaria partecipazione di Alessandro Haber e di Nandu Popu dei Sud Sound System. Si tratta di un omaggio che l’artista salentino intende fare come frutto di un lavoro di ricerca da sempre incentrato sul dialogo e sull’autenticità del vivere, ma soprattutto emblema fortissimo di quella carica di solidarietà che il popolo salentino ha sempre e da sempre dimostrato nei confronti di altri popoli e altre geografie di vissuti.

Muddhriche - Ogni qual volta si ascolta Mino De Santis, si hanno ben chiare le sue radici, la sua storia, le origini musicali e i suoi ascolti al juke box. La voce e l'ironia amara di De Andrè, ma anche l'impegno di Stefano Rosso o la compostezza di Paolo Conte. Ma per non abbandonarsi a facili semplificazioni, bisogna fermarsi un attimo e rimettere play. Mino De Santis è a tutti gli effetti un fuoriclasse, unico nel suo genere perché ama ancora raccontare e lo fa come potrebbe fare un fotografo con le sue istantanee, un pittore impressionista nel fermare tutto su una tela o il saggio del paese nel riferire vizi e virtù della sua gente. Con dovizia e ironia.
Anche in questo terzo album “Muddhriche prodotto dall'etichetta Ululati (Lupo Editore) si raccolgono piccoli momenti di vita quotidiana, come fossero proprio molliche minute ed essenziali, messe insieme per farne pane e nutrimento. Ci sono le "macchiette", i personaggi del paese: “Lu prete” scaltro e smaliziato o la “La bizoca e la svergognata”, apparentemente diverse ma "le stesse e l'hanno sempre saputo". 
C'è la bellezza e la malinconia degli "Anni" passati tra casa, chiesa e sogni di libertà ma anche il sud amaro dei “Pezzenti” (feat Nando Popu/Sud Sound System), quegli immigrati trattati come animali tra “patruni e capurali”, senza diritti o assistenza, pagati venti euro alla giornata me definiti lo stesso invasori. 
E tra mandolino e fisarmonica, si continua a raccontare di quei “Radical chic”, quelli bravi a dare definizioni, che hanno così poco da dire ma tanto da parlare. 
A poco a poco le “Muddhriche” compongono il quadro di un uomo che, come ben rappresentato dalla copertina del disco, dall'alto, osserva, riconosce, cerca di individuare quelle briciole, le piccole cose che continuano a dargli godimento. È un carnevale di personaggi e situazioni, dove si respira a pieni polmoni l'aria scanzonata di un bonaccio che ama quello che compone perché è il suo modo di continuare a credere al sogno di anarchia.

Il Salento trova nuove parole, quelle puntute, del graffio autoriale. Anarchiche quanto basta per tener desto l'animo e l'occhio allo sguardo: quello dritto, che mai s'inchina e fa riverenza. Mino De Santis è così, ama il ridere, il soffio e lo spiffero. (Mauro Marino)
Mino De Santis è un ascolto che il tempo e la pratica portano a metabolizzare. Non è la risata di turno ciò che arriva e resta. Ma un ondulato senso di profondità che scolpisce immagini nella memoria e libera l'ascolto dalla superficialità attorno (Erika Sorrenti e Francesco Aprile)
Mino ha scritto una pagina di canzone popolare vera, del popolo del Salento che si libera dalla pur splendida prigionia del tamburello, dell'organetto e del violino e approda ad un linguaggio nuovo, fatto di dialetto e di italiano colto al volo, masticato, rimasticato e sputato fuori in una nuova forma di colostro, vero alimento con il quale crescere i piccoli. Musica accattivante, di uno che sa suonare la chitarra, la lascia nei suoi accordi semplici, quasi ondeggianti come un materassino gonfiabile sulla bonaccia (Pino De Luca).
Autoironico e impietoso… lo definirei un “verista” per come descrive la realtà sociale e soprattutto quella di tanta umanità. Ha il suo modo singolare di vedere la realtà e di declinarla in versi. È un sognatore ingenuo e intellettualmente onesto. Insofferente a qualsiasi regola, non scenderebbe mai a compromessi, ha l'anima libera e resta anarchico anche quando non sarebbe il caso. Ha una singolare genialità, un'autentica vena artistica che differisce da qualsiasi accomodante musicalità “popolare” oggi cosi volgarmente e insopportabilmente stereotipata (Giuseppe De Santis).


INFO


Cagnotto e Dallapé, tuffo d'argento A Barcellona l'acqua è subito azzurra - Il Messaggero

Cagnotto e Dallapé, tuffo d'argento A Barcellona l'acqua è subito azzurra - Il Messaggero

Claudio Baglioni svela "Con Voi" a Tgcom24 - Spettacolo - Tgcom24

Claudio Baglioni svela "Con Voi" a Tgcom24 - Spettacolo - Tgcom24

WeChat, dalla Cina l'app che spodesta WhatsApp - Il Sole 24 ORE

WeChat, dalla Cina l'app che spodesta WhatsApp - Il Sole 24 ORE

G20: impegno su crescita e lavoro, ma economia ancora debole - ASCA.it

G20: impegno su crescita e lavoro, ma economia ancora debole - ASCA.it

Casini, troppi avvoltoi su Letta - Politica - ANSA.it

Casini, troppi avvoltoi su Letta - Politica - ANSA.it

India: stupro di gruppo turista svizzera, 6 condanne a ergastolo

India: stupro di gruppo turista svizzera, 6 condanne a ergastolo

puglia: treni regionali, maggiore sicurezza a bordo dal 01.08.2013

puglia: treni regionali, maggiore sicurezza a bordo dal 01.08.2013

giovedì 18 luglio 2013

Juve: 7-0 in amichevole, primo gol Tevez - Calcio - ANSA.it

Juve: 7-0 in amichevole, primo gol Tevez - Calcio - ANSA.it

L'orologio dei Depeche Mode - Moda - D - la Repubblica

L'orologio dei Depeche Mode - Moda - D - la Repubblica

La Stampa - Google a caccia di licenze per il progetto di una tv online

La Stampa - Google a caccia di licenze per il progetto di una tv online

Quando Ligresti si arrabbiòPressioni su una famosa testata - Affaritaliani.it

Quando Ligresti si arrabbiòPressioni su una famosa testata - Affaritaliani.it

Marò, Emma Bonino ottimista: "Sono fiduciosa Torneranno a casa dall'India entro Natale" - Mondo - Tgcom24

Marò, Emma Bonino ottimista: "Sono fiduciosa Torneranno a casa dall'India entro Natale" - Mondo - Tgcom24

Russia, il blogger anti-Putin Nalvalnycondannato

Russia, il blogger anti-Putin Nalvalnycondannato

PUGLIA: FLC CGIL, CONCORSONE SCUOLA UNA BEFFA - AgenParl - Agenzia Parlamentare per l'informazione politica ed economica

PUGLIA: FLC CGIL, CONCORSONE SCUOLA UNA BEFFA - AgenParl - Agenzia Parlamentare per l'informazione politica ed economica

In Puglia povertà diffusa ne patisce quasi 1 su 3 | La Gazzetta del Mezzogiorno.it

In Puglia povertà diffusa ne patisce quasi 1 su 3 | La Gazzetta del Mezzogiorno.it

martedì 16 luglio 2013

Fratture di Massimiliano Nuzzolo (Italic Pequod)




Fratture è un romanzo che narra, tra realtà e sogno, una strana e avvolgente storia d’amore tra un ragazzo e una ragazza attraverso il telefono. I personaggi osservano ciò che accade loro intorno e raccontano di questo e di sé, in una vera e propria parade dell’assurdo. Da una parte, una sorta di crisi, generata da un incidente in cui il protagonista perde la memoria e il suo habitat, mette davanti ai suoi occhi un mondo crudelmente reale ma senza le “protezioni” affi nate negli anni attraverso la crescita e la cultura: il subconscio riemerge, provocando ferite e fratture, mentre i sogni lasciano senza risposta le domande più atroci , in una totale assenza di emozioni. La protagonista femminile, invece, giovane fi lmaker, procede in parallelo nei vari gradi di consapevolezza, in un inferno privato alla ricerca di una nuova dimensione dell’esistere e di ciò che gli uomini chiamano anima, anche se non l’hanno mai vista né sanno come essa sia fatta. Un testo letterario e “filosofico”, in cui l’ironia, la drammaticità degli eventi, la volontà nuova e fanciullesca dei protagonisti in un mondo che non piace loro, conferiscono alla narrazione un’aura di sospensione nel tempo e nel sogno, o forse nell’incubo, con una soluzione e un fi nale estremamente anomali ma decisamente ottimisti.

Massimiliano Nuzzolo è nato a Mestre nel 1971. Ha esordito nel 2004 con il romanzo L’ultimo disco dei Cure. Nel 2007 ha pubblicato la raccolta di poesie Tre metri sotto terra (Coniglio editore). Esperto di musica e di culture giovanili, ha curato la raccolta di racconti La musica è il mio radar (Mursia 2010).

DAMULI N'AUTRA BOTTA ovvero ANTOLOGIA LICENZIOSA DI TRENTA CANTI E PIZZICHE DAL SALENTO a cura di Daniele Durante (KURUMUNY).



La cultura orale di un territorio, che trova nei canti una raffinata sintesi poetica e sonora per esprimere la propria visione del mondo, non poteva non cantare la sessualità, attraverso stornelli a dispetto o una delicatissima poetica in rima. Lo fa ricorrendo a metafore e ammiccamenti; inventando nomi e significati al sesso femminile e maschile; alzando un velo trapuntato di versi e parole poetiche che nascondono l’atto sessuale. È molto vasto il repertorio dei canti licenziosi salentini con punte allusive, maliziose, talvolta oscenamente in chiaro, talaltra di difficile comprensione, almeno ad una prima analisi. Non riconoscere questa vena significherebbe negare una delle fonti più vivaci, ispiratrici e accattivanti di tutto il corpus sonoro. I grandi cantori o affabulatori ricorrevano ad eleganti infiocchettature poetiche anche per aggirare l’onnipresente e opprimente dottrina religiosa, che condannava ogni riferimento e pratica della sessualità; l’allusione mirava a non offendere il collettivo senso del pudore e a non turbare le anime dei fanciulli e delle fanciulle, che d’altronde, convivendo e lavorando con gli animali, nella vita di tutti i giorni assistevano in maniera naturale ai loro accoppiamenti. Ci piace pensare che questa difficilissima arte di poetare e cantare potesse essere un veicolo di conoscenza dei comportamenti sessuali e quindi una specie di trasmissione etica sessuale. Nei canti proposti da Daniele, ricorre il ricco vocabolario con cui sono indicati gli organi sessuali; i termini variano di paese in paese e fanno riferimento ora ad oggetti di uso quotidiano (taeddha, farzura, pastinaca, trapanaturu), ora ad immagini attinte ai grandi riti e miti che sostanziano questa terra, ora a figure archetipiche come il monaco, l’aggiustacofane, il cardararu, il giardiniere. Le tracce sonore offrono un ampio ventaglio di arie e testi che – nel doppio senso, nell’ammiccamento, nell’esplicito riferimento alla sessualità, ai suoi organi, al loro uso e consumo – ci testimonia di una poetica musicale che arricchisce di nuovi stimoli il panorama sonoro salentino. (Luigi Chiriatti)



Info sull’autore/curatore

Daniele Durante


Kurumuny

Telefono: 0832801528
Cellulare: 3299886391


lunedì 15 luglio 2013

Ada Fiore con il suo Vota Socrate (Lupo editore) alla Feltrinelli Point di Lecce



Ti insegna a vivere. Smaschera l'ignoranza e promuove l'amore per il sapere. Si prende cura dell'educazione dei giovani. Ricava ricchezze dalla virtù e non virtù dalle ricchezze. Rispetta le Leggi e onora la giustizia. Costruisce un mondo di valori.

Il 15 luglio 2013 alla Feltrinelli Point di Lecce in via cavallotti 7/a ore 20,00 ci sarà l’incontro con Ada Fiore autrice per Lupo editore del volume VOTA SOCRATE!

“Vota Socrate” di Ada Fiore (Lupo editore) nasce mettendo a frutto un'esperienza unica nel suo genere, su un territorio ad alta vocazione filosofica, il libro e l'intera operazione editoriale cerca di realizzare il sogno di costruire una nuova umanità, un'umanità che “Smaschera l'ignoranza e promuove l'amore per la ricerca e il sapere, si prende cura dei giovani, rispetta le leggi e onora la giustizia, ricava ricchezza dalle virtù, ricostruisce un mondo di veri valori”.  Tutto questo è “Vota Socrate”, un libro che propone un pensiero innovativo, con radici salde che affondano nel pensiero antico, per aiutare nel popolo dei lettori la maturazione di una svolta 'ethos'-compatibile.


Il libro - E se un giorno Socrate si fermasse davanti ai cancelli del Paradiso per discorrere di vizi privati e pubbliche virtù con San Pietro? Ada Fiore, filosofa dell'era 2.0, immagina questo curioso e particolare siparietto, alle soglie del terzo millennio, che vede coinvolti due dei massimi protagonisti, involontari, della controversa querelle tra fede e ragione che anima il dibattito culturale e filosofico da millenni. Socrate, dopo la morte, ottiene il premio della vita eterna tra i meritevoli, ma un disguido gli impedisce di varcare la soglia dell'Empireo e deve attendere più di 2400 anni perché qualcuno si accorga di lui. E quel qualcuno, naturalmente, è proprio il custode delle chiavi, il santo a cui il Cristo ha affidato la custodia del Regno dei Cieli. Da quell'incontro casuale scaturisce un intenso e fitto dialogo sulla società dei nostri giorni, sui mali di cui essa si alimenta quotidianamente e sull'incapacità del genere umano di sfuggire al lento declino a cui sembra destinato. Con un'agile e fruibile prosa l'autrice prende per mano il lettore e lo avvicina all'affascinante mondo dell'arte del pensiero. La filosofia diventa così scienza alla portata di tutti, che si apre alla verifica della quotidianità e diventa strumento per la sua comprensione. Alternando alla narrazione estratti dei testi originali, Ada Fiore ci introduce nel mondo e nel pensiero di Socrate, filosofo tra i più significativi dell'Occidente e figura attualissima che si distingue per l'integrità morale della sua vita. Il pensatore ateniese, più vivo che mai, sembra avere una risposta a ogni preoccupazione di San Pietro, comprese quelle inerenti le pericolose derive della politica nostrana. E se in mezzo a proclami elettorali e promesse di ogni sorta, i politici contemporanei appaiono privi di proposte convincenti, il "manifesto" di Socrate si caratterizza per la riscoperta di ideali a lungo sopiti, che mettono in comunione, per una volta, i credi più disparati. Arriverà, forse, dalla filosofia il germoglio di speranza per un futuro roseo? Ai posteri, anzi agli avi, l'ardua sentenza.


Info

Spazio: Parmitano verso seconda passeggiata, ascoltera' 'volare'?

Spazio: Parmitano verso seconda passeggiata, ascoltera' 'volare'?

Cina, rallenta la crescita. Si teme per l'economia globale

Cina, rallenta la crescita. Si teme per l'economia globale

Insulti razzisti, fulmini dal Quirinale Il Pd: ora basta, Calderoli si dimetta Salvini: Napolitano, taci che è meglio Assessore leghista: l'offeso è l'orango - Il Messaggero

Insulti razzisti, fulmini dal Quirinale Il Pd: ora basta, Calderoli si dimetta Salvini: Napolitano, taci che è meglio Assessore leghista: l'offeso è l'orango - Il Messaggero

21 attivisti fermati nella centrale nucleare di Tricastin - Corriere.it

21 attivisti fermati nella centrale nucleare di Tricastin - Corriere.it

Ruvo di Puglia (Ba). Operazione antiprostituzione dei CC | Made in Italy Notizie

Ruvo di Puglia (Ba). Operazione antiprostituzione dei CC | Made in Italy Notizie

venerdì 12 luglio 2013

UNA FRISELLA SUL MARE - Canzoni, ricordi e ricette da spiaggia a cura di Pierpaolo Lala (Fornelli Indecisi e Lupo editore). Dal 15 luglio 2013



Lunedì 15 luglio in ebook nei digital store e lunedì 22 luglio in tutte le librerie d'Italia (distribuzione Messaggerie Libri) esce "Una frisella sul mare. Canzoni, ricordi e ricette da spiaggia" (Lupo Editore). Dopo "50 sfumature di fritto. Piccolo Manuale Untologico" la crew gastronomica di Fornelli Indecisi, guidata dal patron del concorso di cucina dozzinale, giornalista ed ex chitarrista di falò Pierpaolo Lala, torna con un libro ideale da cantare, leggere e "consumare" sotto l'ombrellone.

Il libro, un’idea a due menti e quattro mani del patron e del giornalista, scrittore e musicista Osvaldo Piliego, nasce dalla consapevolezza di un assurdo paradosso. In quale posto e in quale stagione si mangiano, fino allo sfinimento, cose pesantissime e dure da digerire? La risposta è drammatica: in spiaggia, d’estate. L’estate, nel Salento, è sinonimo di “stanato”. La traduzione è molto semplice: tegame o teglia da forno in acciaio. Ovviamente può essere anche in altro materiale o usa e getta ma il concetto resta invariato. Anche perché lo stanato ha bisogno sempre, per essere infornato, di un complemento di specificazione. Ossia uno stanato di parmigiana, uno stanato di pasta al forno, uno stanato di cannelloni, uno stanato di melanzane ripiene, uno stanato di focaccia, uno stanato di pizza di patate. Lo stanato da solo non esiste, è come dire "bottiglia". Di cosa: di acqua? di birra? di vino? di succo di frutta? di olio extravergine d'oliva?

Ognuno di noi ha molti ricordi “ambientati” in spiaggia o al mare. Tutti abbiamo una colonna sonora, soprattutto quella dei falò, ormai vietati. Le spiagge dove abbiamo passato le nostre infanzie ci fanno sempre sorridere e tornare alla mente le corse pinnate o le prime fidanzatine. E come dimenticare le ricette e le giornate passate a sfornare e trangugiare “stanati” carichi di parmigiane, paste al forno, cannelloni, peperoni ripieni, cozze gratinate.

Il libro è diviso, dunque, in tre sezioni: canzoni, ricordi e ricette. Tra le canzoni "Una frisella sul mare" accoglie un piccolo repertorio di brani tipici soprattutto degli anni ’80 e ‘90, che sono gli anni (terribili per alcuni, meravigliosi per altri) nei quali è cresciuta la maggior parte dei membri della crew, da Albano e Romina agli 883 passando per Vasco Rossi, Lucio Battisti, Marco Ferradini, Francesco De Gregori, Antonello Venditti, i Cure, The Smiths, i Beatles, Amedeo Minghi, il Gruppo Italiano, Bruno Martino, Fred Bongusto, Claudia Mori, Paul Anka, Francesco Guccini, Vanessa Paradis, Gianni Pettenati, Peppino di Capri e i brani popolari da cantare a squarciagola.

Grazie ai ricordi di numerosi giornalisti, foodblogger e scrittori si ripercorre, poi, un lungo tratto della costa pugliese da Bari sino alla provincia di Taranto. Non è un censimento ma un viaggio casuale nei ricordi che passa da Capitolo, Spiaggia Bella, Torre Chianca, San Cataldo, San Foca, Torre dell’Orso, Otranto, Santa Maria di Leuca, Ugento, Porto Cesareo, Marina di Pulsano, Torre Ovo e tante altre località. Donpasta, Osvaldo Piliego, Giuseppe Calogiuri, Raffaele Gorgoni, Alessio Viola, Paola Sgobba, Francesa D’Agnano, Adolfo Maffei, Ennio Ciotta, Antonietta Rosato, Salvatore De Simone, Fulvio Totaro, Maria Grazia Fasiello, Salvatore Caracuta, Andrea Gabellone, Carlo Morelli, Daniela Sabato, Letizia Basile, Danilo Siciliano, Dario Goffredo, Dario Quarta, Rossano Astremo, Paolo La Peruta, Viviana Guadalupi e la misteriosa Senora Mia, ci raccontano una Puglia diversa, vista da un’angolatura particolare: quella della tavola apparecchiata in casa o improvvisata in una cabina, sugli scogli o sotto una pineta.

L’ultima parte è dedicata ad una settantina di ricette, in rigoroso ordine alfabetico, perché in spiaggia non esiste la differenza tra antipasto, primo, secondo, frutta, dolce. Tutto può essere un pasto unico, perché c’è chi si mantiene leggero dissetandosi magari con una granita o gustando un gelatino, c’è chi invece arriva in spiaggia organizzato come fosse l’ultimo pranzo della sua vita. Le ricette sono recuperate qua e là, rubacchiate on line, suggerite da amici e amiche, tradizione di famiglia o selezionate tra i partecipanti alle precedenti edizioni di Fornelli Indecisi. Infine Manila Benedetto ci spiega le sue teorie sulle cose da bere (e da digerire) mentre a Pino De Luca (colonna di Fornelli Indecisi) è affidato l’arduo compito di concludere con un “trattato” sulla frisa. Quasi 200 pagine di note, parole e calorie.

Fornelli Indecisi è un concorso di cucina dozzinale, nato dall’esperienza dell’omonimo gruppo su Facebook. Casalinghe disperate, single buongustai, nonne con la frittura nel sangue, mamme con la polpetta facile, zii con il vizio della crostata, nonni avvezzi alla pasta con le cozze, quelli che dicono “non so chi sia Antonella Clerici”, quelle che pensano che “la Parodi era meglio cotta e mangiata” sono i concorrenti ideali di questo concorso dedicato a tutti. La quarta edizione, anticipata dalle Primarie del Centrotavola, è attesa per la primavera 2014.

Il trentaseienne leccese Pierpaolo Lala, socio-lavoratore della Cooperativa Coolclub, prova a fare il giornalista sin dalla tenera età. Vive prettamente su Facebook (o retwittandosi da solo) e quando ha tempo a San Cesario di Lecce, dove uccide piante e cerca di sfamare gatti dai nomi strampalati. Sino al 2001 è stato un grande chitarrista da falò proponendo cover demenziali e inediti tremendi. Da molti anni prova a scrivere un libro sui neologismi della politica. Nel frattempo ha ideato Fornelli Indecisi e ha pubblicato due libri di ricette (di altri). Prima di entrare in acqua aspetta almeno quattro ore anche se ha mangiato solo una fetta di melone. Dal 2012 è considerato un frittologo e un po’ si vergogna. Quando gli chiedono che fai nella vita risponde serio: “Posto cose, taggo gente”.

PROLOGO di Pierpaolo Lala

La cucina per me è fatta di ricordi. La cucina per me è fatta di facce, dettagli, luoghi, situazioni, canzoni, persone, donne amate e famiglie adorate, amici persi e amici trovati, fanciullezza faticosa e adolescenza negata, chitarre e falò. La cucina per me è mia madre che cerca la ricetta giusta per soddisfare le esigenze di tutti. La cucina per me sono le mie nonne che ho perso troppo presto ma che ricordo alle prese con i pranzi e le cene del giorno di festa, quelli in cui io mi sedevo ancora al tavolo dei piccoli (de li piccinni) e recitavo la poesia in piedi sulla sedia. La cucina per me sono le mie zie che ho osservato nelle lunghe giornate passate con loro e i miei cugini. La cucina per me è una novità. Nel 2008 ho iniziato, per scherzo, un’avventura che si chiama Fornelli Indecisi. Una rubrica di cucina dozzinale su Facebook che poi si è spostata nella vita reale trasformandosi in un concorso. La cucina per me sono le oltre 200 persone che in tre anni hanno partecipato, con lo spirito giusto, al concorso, proponendo ricette da tutta Italia (e anche dall’estero) e provando a raccontare la loro storia, il loro ricordo legato a quel piatto povero o ricco che fosse. La cucina per me è un libro, nato per scherzo.  “50 sfumature di fritto. Piccolo manuale untologico”, uscito poco prima di Natale 2012. Una bella esperienza che mi ha portato in giro per il Salento, la Puglia e l’Italia a raccontare Fornelli Indecisi e parlare di frittura. Dalle biblioteche ai ristoranti, da un’università per la terza età ad un festival sull’olio, dai pub alle cantine di vino, dai negozi di design alle librerie, dalle enoteche all’Ikea di Bari ho girato parecchio e ho conosciuto moltissime persone. Ognuno mi spiegava il suo punto di vista dal quale osservare e praticare la cucina. La cucina per me sono due modi di dire tipici di questa zona che hanno costellato tutta la mia vita e quella di altre migliaia di persone. È difficile, complicato, ostico se non impossibile riuscire ad estorcere le ricette alle proprie mamme per non parlare delle nonne. La parola magica quando la descrizione non è esaustiva è una sola: “règolati”. Cioè la ricetta c’è, le grammature anche ma ad un certo punto solo l’esperienza può darti una mano. La regola del regolati vale per tutto (o quasi). Nelle ricette è tradotto come q.b. ossia quanto basta, e vale per sale, pepe, spezie in genere ma funziona a meraviglia con molti ingredienti fondamentali. Quando prepara il polpettone, amalgamando la carne macinata con l’uovo, il parmigiano, il pangrattato e un pizzico di sale (più altri ingredienti a scelta), mia madre mi dice che ad un certo punto capisci che è pronto perché lo senti. Senti tra le mani la consistenza che cambia e senti anche l’odore della carne che man mano si fa meno intenso e prende i colori della menta, dell’uovo, del formaggio. Nella vita io ho sempre cercato di regolarmi, navigando a vista. In cucina c’è una quota di preparazione e di meticolosa scienza e una quota (quella più affascinante, secondo me) che ti porta a improvvisare, a regolarti e seguire il tuo istinto e il tuo gusto.
Il secondo modo di dire mi ha un po’ rovinato la vita e mi ha portato ad ingrassare fin da piccolo. Oggi si discute molto di indice di massa corporea, calorie, diete, cibi biologici. Negli anni ’80, quando io ero piccolo, perché anche io sono stato piccolo, questa “disciplina alimentare” era meno diffusa. Nelle mense ci servivano quello che c’era e si poteva dare e anche in casa cercavamo di rubare le nuove merendine. Insomma per un bambino corpulento (cicciottello, insomma ditela come solo i piccoli sanno dire, con fare sprezzante) la frase di cui voglio parlarvi era la pietra tombale su ogni velleità dietologica. Dopo pranzi luculliani, a base di ogni ben di Dio, al minimo diniego, del tipo “basta, sono pieno”, la frase tipica era “mena, ca verdura ete” (non fare lo schizzinoso, in fondo è solo salutare verdura). Secondo questa corrente di pensiero, la parmigiana di melanzane è verdura. E, in effetti, alla base del poderoso maniero sugoso c’è una verdura, la melanzana, peccato sia pastellata e fritta. Se non è fritta, mi spiace dirlo, non si tratta di parmigiana ma di un falso ideologico da perseguire civilmente e (nei casi di reiterazione del reato) penalmente. Da queste e altre riflessioni (che Gabriella, a furia di risentire, ha imparato a memoria) scaturite da circa trenta presentazioni del libro è nata la consapevolezza di un assurdo paradosso. In quale posto e in quale stagione mangiamo fino allo sfinimento, cose pesantissime e dure da digerire? La risposta è quasi surreale: in spiaggia d’estate. Sembra assurdo ma dalle mie parti (nel profondo sud del Salento) e non stento a credere che sia lo stesso in tutti i sud del mondo (ma secondo me anche al nord, certe cose sono uguali) l’estate è sinonimo di “stanato”. La traduzione è molto semplice: teglia da forno in acciaio. Ovviamente può essere anche in altro materiale o usa e getta ma il concetto è sempre lo stesso. Anche perché lo stanato ha bisogno sempre di un complemento di specificazione. Ossia uno stanato di parmigiana, uno stanato di pasta al forno, uno stanato di cannelloni, uno stanato di melanzane ripiene. Lo stanato da solo non esiste. è come dire una bottiglia. Di cosa? Di acqua, di birra, di succo di frutta? E quindi da questa certezza è nata, insieme all’amico, socio e collega, Osvaldo Piliego l’idea del libro che avete appena acquistato o che state sfogliando (scroccando) in libreria o da qualche amico. Ognuno di noi ha dei ricordi “ambientati” in spiaggia o al mare, legati alla musica (soprattutto quella dei falò, ormai vietati), a luoghi precisi (le spiagge dove abbiamo passato le nostre infanzie vi fanno sempre sorridere e ricordare le corse pinnate o le prime fidanzatine) e ricette (perché in spiaggia, comunque, bisogna pur mangiare). Il libro è dunque diviso in tre parti: Canzoni, ricordi e ricette. Ogni sezione è aperta da una o più introduzioni. Tra le canzoni troverete un piccolo elenco di brani tipici soprattutto degli anni ’80 e ‘90, che sono gli anni (terribili per alcuni, meravigliosi per altri) nei quali sono cresciuti la maggior parte degli autori della seconda sezione. Grazie ai ricordi degli amici Donpasta (Daniele De Michele), Pino De Luca, Osvaldo Piliego, Giuseppe Calogiuri, Raffaele Gorgoni, Alessio Viola, Paola Sgobba, Francesa D’Agnano, Adolfo Maffei, Ennio Ciotta, Antonietta Rosato, Salvatore De Simone, Fulvio Totaro, Maria Grazia Fasiello, Salvatore Caracuta, Andrea Gabellone, Carlo Morelli, Daniela Sabato e Letizia Basile, Danilo Siciliano, Dario Goffredo, Dario Quarta, Rossano Astremo, Paolo La Peruta e Viviana Guadalupi ripercorriamo un lungo tratto della costa pugliese da Bari sino alla provincia di Taranto. Non è un censimento ma un viaggio casuale che passa da Capitolo, San Cataldo, Torre dell’Orso, Otranto, Santa Maria di Leuca, Ugento, Porto Cesareo, Marina di Pulsano, Torre Ovo e tante altre località che non ho mai visto e che non ho mai “assaggiato”.
L’ultima parte è dedicata alle ricette, in ordine alfabetico, perché in spiaggia non esiste la differenza tra antipasto, primo, secondo, frutta, dolce. Tutto può essere un pasto unico, perché c’è chi si mantiene leggero dissetandosi magari con una granita o gustando un gelatino, c’è chi invece arriva in spiaggia organizzato come fosse l’ultimo pranzo della sua vita. Le ricette sono recuperate qua e là, rubacchiate da facebook, suggerite da amici e amiche e selezionate tra i partecipanti a Fornelli Indecisi (che ringrazio fino allo sfinimento). Manila Benedetto ci spiega le sue teorie sulle cose da bere (e da digerire) mentre a Pino De Luca (colonna di Fornelli Indecisi) è affidato l’arduo compito di concludere con un “trattato” sulla frisa. Il titolo è nato da un brainstorming in ufficio che alla fine ha messo insieme una canzone famosissima con uno dei simboli, positivi e negativi, della cultura enogastronomica della mia regione. In alcuni posti una frisa con il pomodoro costerà poco meno di questo libro, controindicazione della crescita di presenze turistiche degli ultimi anni.
 In chiusura tre consigli:
- ascoltate le canzoni (anche quelle più brutte, e non sono poche)
- leggete i racconti (anche quelli più tristi)
- provate le ricette che vi suggeriamo (anche e soprattutto quelle più pesanti).
Buona estate e chi è senza peccato scagli la prima dieta.